trasloco opera d'arte

A Firenze il trasloco in “volo” di un’opera d’arte del 1424

Quando si tratta di effettuare il trasloco di opere d’arte bisogna prestare particolare attenzione perchè è un’impresa delicata, che può provocare danni irreparabili.

I primi di giugno si è svolto un trasloco di opere d’arte da brividi nell’Ospedale Santa Maria nuova di Firenze: nel piazzale antistante una gru ha sollevato un capolavoro di Bicci di Lorenzo del 1424, riguardante la consacrazione di Sant’Egidio, trasferito dalla sala accanto all’ingresso alla sala riunioni al primo piano, dopo una fase di restauro durata sette mesi.trasloco opera d'arte

L’opera d’arte di cui si è effettuato il trasporto rappresenta l’ospedalingo Michele di Frosino che consegna le chiavi a Papa Martino V, in un particolare dell’affresco si nota l’incoronazione della Vergine di Dello Delli.

La sala che ospitava l’opera si trasformerà in un bookshop e tutta l’operazione di trasporto dell’opera d’arte è continuata per bene tre ore.

Pur essendo stata spostata in un’area dell’ospedale in cui si svolgono riunioni aziendali, tuttavia si potrà ammirare nell’ambito delle visite guidate dei turisti.

Per effettuare un perfetto trasporto di opere d’arte, fragili e magari ingombranti oltre che di gran valore, è necessario dotarsi di attrezzature speciali, quali autogru, cassoni isotermici, sbarre laterali fermacarichi, cinghie a cricchetto per ancorare le casse, climatizzatori, sponde montacarichi, sospensioni ad aria e antifurti satellitari.

Per tutti i traslochi ci sono di solito due autisti dotati di cellulare pronti a rispondere ad ogni cambiamento di programma; si usano casse su misura, climatizzate, ignifughe e imballi leggeri; la ditta si occupa di tutte le pratiche necessarie e dei documenti delle Belle Arti; la copertura assicurativa stipulata è “chiodo a chiodo”; il deposito dei beni avviene in luoghi climatizzati e con sistemi di sicurezza; è previsto un “servizio accompagnatori”; vengono effettuati allestimenti per mostre; si realizzano traslochi con veicoli con sospensioni pneumatiche e climatizzati; è presente un servizio di falegnameria interna; si garantisce il controllo satellitare dei mezzi; si può effettuare la costruzione delle casse su misura.

Un’ulteriore garanzia è l’iscrizione delle ditte di trasporti alla ICEFAT (International Convention of Exhibition and Fine Art Transporters), associazione mondiale che raggruppa le società specializzate nei trasporti di opere d’arte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *