trasloco in gravidanza

Come affrontare un trasloco in gravidanza

Effettuare un trasloco in gravidanza può essere molto rischioso, dato che in primis si possono sollevare pesi solamente nel primo trimestre, evitando inoltre di sovraccaricare la colonna vertebrale e cercando di piegarsi sulle ginocchia allorchè si deve sollevare qualcosa, facendo pressione sulle fasce laterali qualora la spina dorsale sia troppo appesantita e la pancia si faccia troppo grossa.

Non è il caso comunque di affrontare un trasloco in gravidanza da sole, magari suocera e madre potranno occuparsi di impacchettare tutto ed i facchini effettueranno il trasporto; il compagno o marito può portare le scatole in garage e contattare gli amici che possiedono un furgoncino.trasloco in gravidanza

Ma come mai questa particolare prospettiva del trasloco in gravidanza? Perchè magari lo si è programmato prima dell’arrivo della notizia della gravidanza, oppure perchè si considera l’appartamento in cui si vive troppo piccolo per la presenza di un’altra persona ancora.

In ogni caso si tratterà di un periodo molto stressante, cosa che sicuramente non farà bene alla futura mamma, che magari vorrà impacchettare le cose della cucina e del bambino e vorrà pulire per terra la nuova abitazione nonostante il pancione.

Diciamo che l’arrivo di un bambino costituisce per la donna, ma anche per l’uomo, un cambiamento nella concezione di sè e della famiglia, che a sua volta si ripercuote nella visione della casa.

Il fare spazio al piccolo, diventando madre e padre, così come per i genitori nonni e nonne, è un concetto pratico, ma soprattutto emotivo, dato che le attenzioni quando sarà nato dovranno essere rivolte esclusivamente a lui/lei, e non al trasloco, perciò talvolta la seconda opzione, benchè sbagliata, è quella più praticata.

Di questa visione psicologica del trasloco in gravidanza ne parla Clara Baudino, ostetrica e insegnante di massaggio infantile AIMI, che ribadisce come le “gravidanze in trasloco” siano meno infrequenti di ciò che si pensa, e forse fanno bene sia alla coppia che al bambino/bambina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *