traslochi illegali

Come identificare le imprese di traslochi illegali

traslochi illegali

Nell’epoca di forte contrasto al cabotaggio illegale ed al dumping nel settore dei traslochi, è importante che ci sia una regolamentazione comune europea che agisca su tutte le imprese illegali, bloccandone l’attività ed i danni agli attuali ed ai potenziali clienti.

Modalità per identificare tali aziende comprendono anzitutto la qualità del lavoro, la trasparenza e la legalità nell’ambito del facchinaggio, di notevole importanza perché legato ad un’operatività trasversale nel sistema industriale e dei servizi.

Un altro elemento da valutare è certamente l’affidamento degli appalti pubblici e privati con il metodo del massimo ribasso, dato che le tariffe minime per il facchinaggio sono pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. Le attività di facchinaggio, la buona occupazione ed il lavoro di qualità sono collegate alla legalità ed alla sicurezza che passano per il rispetto del tariffario minimo stabilito periodicamente con decreto del direttore della Direzione Provinciale del Lavoro competente in quel territorio.

La tariffa oraria standard per le abitazioni private è di 20 euro circa, mentre per gli uffici è di 23 euro circa, sempre considerando un’ora di lavoro. Deve essere garantita una giusta redditività alle imprese del settore. L’applicazione delle tariffe minime è un indicatore importante in termini di regolarità contrattuale e contributiva. La Dpl deve controllare che le aziende di trasporti operanti nella sua area di competenza che applicano i ribassi riescano in seguito a rispettare tutti gli accordi ed i contratti anche in termini di sicurezza sul lavoro; questa è la garanzia della modalità di identificazione delle ditte illegali nei traslochi.

Vi è infine una legislazione poi che fa ricadere solidalmente i costi della contribuzione e della retribuzione sul committente in caso l’azienda di traslochi non paghi i propri lavoratori, si tratta del D.L. 276 del 2003 all’articolo 29. Lavoro, prodotto, sicurezza devono andare di pari passo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *