trasloco centro ospedaliero

Il trasloco dei centri ospedalieri

trasloco centro ospedaliero

Nel momento in cui la direzione decide di voler intraprendere un trasloco di un centro ospedaliero è indispensabile pianificarlo con largo anticipo, scegliendo preferibilmente un week-end d’estate, per assicurarsi di trovare meno persone possibili nell’ospedale ed essere pronti a trasferire il materiale gradualmente da un luogo ad un altro, lasciando il necessario per gestire le urgenze sia in una sede che in quella nuova. Bisogna trasferire i pazienti, i mobili, il materiale medico e quello chirurgico.

Il trasloco di un centro ospedaliero o di una clinica è un’attività piuttosto insolita e richiede il superamento di una serie di difficoltà che hanno bisogno di un trattamento differente. È utile effettuare studi precedenti al trasferimento in modo da far funzionare tutto senza intoppi. I traslochi devono partire sicuramente dal trasferimento dei pazienti, da quelli meno gravi alle donne gravide con i neonati ai malati più gravi. Il trasloco deve essere effettuato più velocemente possibile, continuando ad assistere i ricoverati, pianificando correttamente la sala operatoria e l’assistenza ai malati, fino al momento in cui tutto il trasferimento non è concluso.

Il trasloco del materiale medico e chirurgico deve essere effettuato per fasi, per non lasciare scoperta nessuna area dei due centri ospedalieri in caso si verifichi un’emergenza.

Al fine di raggiungere tutti questi obiettivi, è fondamentale un buon coordinamento e comunicazione tra la ditta appaltante del trasferimento ed i lavoratori dell’ospedale coinvolti. Ce ne sono stati diversi di traslochi di centri ospedalieri ultimamente, dal Nuovo Ospedale di Lucca ad Urologia del Careggi di Firenze, al DataCenter dell’Ausl di Parma, ad Ortopedia di Cattinara all’ospedale Maggiore di Milano, alla Città Ospedaliera di Avellino, a Diabetologia di Mantova. Per effettuare questo tipo di traslochi è necessario indire una gara d’appalto con procedura aperta per l’affidamento del servizio di trasloco e facchinaggio del polo ospedaliero, secondo le consuete procedure della pubblica amministrazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *