Trasloco ecologico: Come traslocare riducendo al minimo l’impatto sull’ambiente

Un trasloco rappresenta un evento che mediamente avviene poche volte nella vita di una persona. Non soltanto è molto faticoso, ma a volte si rivela un piccolo trauma: dobbiamo dover traslocare per motivi che ci rendono contenti, ma anche per cause negative o dolorose. Tutti in traslochi, però, hanno in comune una caratteristica: lo stress.

Proprio lo stress del trasloco, molto spesso ci fa perdere di vista un fattore importante per la nostra vita, al quale dedichiamo attenzione quotidianamente, con i piccoli gesti di tutti i giorni, ma in un  evento straordinario quale un trasloco, ce ne dimentichiamo: l’ambiente.

L’attenzione all’ambiente è molto importante quando parliamo di un trasloco, perché mette in gioco diversi aspetti del problema: gli imballaggi, il mezzo di trasporto, la raccolta differenziata dei rifiuti…

Vediamo allora come fare un trasloco riducendo al minimo l’impatto ambientale. Ecco i consigli per un trasloco ecologico.

Anzitutto è importante risparmiare, sia in termini di imballi, che di spostamenti. Cerchiamo infatti di effettuare tutto il trasloco in modo ecologico usando un furgone o un camion, quindi con un solo viaggio: possiamo farcelo prestare da un amico, oppure prenderne uno a noleggio o rivolgerci a una ditta specializzata. Un solo viaggio significa minori emissioni di CO2 nell’ambiente.

Potremo addirittura condividere l’uso del mezzo con i nostri amici, se hanno per esempio la necessità di comprare dei mobili, oppure con un’altra famiglia che deve traslocare.

Se invece abbiamo deciso di affidarci a una ditta di traslochi, valutiamole società che utilizzano carburanti a basso impatto, magari veicoli elettrici o comunque più nuovi.

Durante un trasloco butteremo via molte cose, sia oggetti e indumenti vecchi che non usiamo più e occuperebbero spazio prezioso nella nostra nuova casa, sia materiali usati per gli imballaggi, carta, buste, scatole e scatoloni. Atteniamoci sempre alle regole della raccolta differenziata: con un piccolo sforzo andremo a compiere un gesto molto grande.

Il nostro consiglio però è di utilizzare materiali riciclabili, sia per il trasporto che per l’imballaggio, che potranno quindi essere riutilizzati, per esempio la plastica e l’alluminio.

Per imballare oggetti fragili come bicchieri, ciotole e vasi, usiamo carta riciclata.

In questo modo ne gioverà sia il nostro portafogli che l’ambiente.

Fare un trasloco ecologico è facile ed economico. E sapere di aver fatto qualcosa di buono per il Pianeta allevierà sicuramente lo stress.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *